Cinque Terre

//Cinque Terre

Cinque Terre

La naturopatia conquista le Cinque Terre: 01/05/2003. Vivere in un parco nazionale può voler dire sopportare limitazioni e disagi ma è anche l’occasione per cercare di vivere meglio. E vivere meglio non vuole dire solo avere nuove occasioni di lavoro e tutelare l’ambiente. Può anche dire combattere lo stress, cercare rimedi naturali ai malanni, fare prevenzione. E’ una scelta di vita che dovrebbe/potrebbe essere fatta da tanti enti locali e al Parco nazionale delle 5 Terre il presidente Franco Bonanini ha deciso di tradurla in realtà dopo aver ascoltato Gerd Kleinpoppen. Ma andiamo per ordine.
Sono centinaia gli abitanti delle 5 Terre che da dicembre a oggi sono andati da Gerd Kleinpoppen, il naturopata e iridologo tedesco che sta aiutando grandi e piccini a vivere meglio. Niente di eccezionale, direte, in quanto è da anni che i promotori della medicina «complementare» a quella ufficiale aiutano uomini e donne ad avere un rapporto migliore con il corpo. Quello che distingue Kleinpoppen è una particolarità: chi abita a Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso non paga. Il naturopata lavora come professionista grazie ad un rapporto di consulenza con il Parco nazionale delle 5 Terre. Kleinpoppen ha chiesto di vedere Franco Bonanini dopo aver saputo della nascita del Parco in un tratto di costa, le 5 Terre, che ha cominciato a frequentare nel 1964. Di padre tedesco e madre francese («i miei genitori si sono incontrati quando lui tornava dalla prigionia — ricorda») il naturopata spiega di aver studiato per 4 anni la medicina tradizionale. «Poi ho fatto una scelta di vita — spiega — ho comincito ad occuparmi di agricoltura biodinamica e di omeopatia, tutte cose che hanno in comune il contatto con l’ambiente. Lo sbocco nella naturopatia è stato naturale ma in questa materia bisogna sempre studiare, aggiornarsi. E’ una professione che si occupa del benessere della persona assecondando la legge naturale, senza trasgredire come facciamo ogni giorno.
Purtroppo la nostra cultura è molto materialista e questo ci porta a trasgredire le leggi naurali. Ora ho 58 anni ma quando sono venuto nelle 5 Terre la prima volta ero giovane — continua Gerd Kleinpoppen — allora non c’erano le frane e il territorio era tutto coltivato. Con gli anni ho visto il degrado del territorio avanzare insieme al turismo selvaggio e ho diminuito la mia presenza. Mi metteva tristezza. Quando ho saputo della nascita del Parco e dell’intenzione del presidente Franco Bonanini di recuperare le terre incolte mi sono fatto avanti. Il feeling è stato immediato».
Unire l’aria e il mare pulito alla naturopatia è un volano eccezionale per il turismo ma è anche un modo per far vivere meglio tutti i residenti. Non a caso il progetto del Parco punta molto sulla prevenzione. «Abbiamo inziato con i bambini dell’asilo e della scuola elementare di Riomaggiore — precisa il naturopata — adesso ci sono gli studenti delle medie inferiori. Cerchiamo di capire, anche grazie all’iridologia, i loro punti deboli aiutandoli a prevenire eventuali malanni. Come dicevo siamo partiti da Riomaggiore ma arriveremo anche agli studenti degli altri tre comuni delle 5 Terre». Il progetto del Parco prevedeva inizialmente la presenza del naturopata a Riomaggiore 3 giorni alla settimana, ora siamo a 4 giorni con una media di 40 persone al giorno ed il Parco sta cercando di trovargli un locale per le visite anche a Vernazza e Monterosso.
«Abbiamo fatto due incontri a tema, uno sui modi per combattere lo stress, l’altro sulla prevenzione primaria, quella da fare prima della diagnosi precoce, intervenendo sullo stile di vita e l’alimentazione. Ma non sono in concorrenza con i medici del posto — sottolinea Kleinpoppen — sono due cose diverse e complementari, non alternative. L’obiettivo è lo stesso, il benessere e la salute. Bisogna collaborare, anche perchè in certi casi dell’antibiotico o dell’antifiammatorio non è possibile fare a meno. Come della chirurgia, quando è indispensabile».
Il naturopata tiene inoltre a specificare che sta usando con alcuni pazienti la tecnica Bowen «una tecnica non manipolativa ma dolce per cui il corpo ritrova la sua armonia. Non lavora contro il corpo ma con il corpo seguendo i suoi tempi». Il sogno di Kleinpoppen è di realizzare nelle 5 Terre qualcosa di simile ad una libera università della naturopatia, un punto d’incontro per esperti e persone pronte ad insegnare, una sorta di centro didattico curativo e di benessere in grado di coinvolgere anche gli operatori turistici che in questo modo possono offrire ai loro clienti un nuovo servizio. Chi vuole incontrare il naturopata può chiamare al numero 335/392567 oppure scrivere al Parco nazionale 5 Terre, via Telemaco Signorini 118, Riomaggiore. Ma attenzione: turisti o residenti fuori dalla 5 Terre dovranno pagare.

naturopata@parconazionale5terre.it

By | 2019-01-30T21:18:21+01:00 Ottobre 18th, 2017|Uncategorized|0 Comments

About the Author: